SEI UTILI CONSIGLI PER VIAGGIARE IN INDIA CON 15 EURO AL GIORNO

Per viaggiare non ci vogliono grandi budget. Oltre al volo aereo, in alcuni paesi, si può spendere davvero poco. Ovviamente bisognerà adattarsi ed evitare i resort di lusso ma, viaggiare zaino in spalla con piccoli budget, spostandosi, mangiando e dormendo come fanno le persone del posto, può essere un’opportunità per entrare maggiormente in contatto con la realtà locale.

Le esperienze più belle le ho vissute proprio quando ho sperimentato i mezzi pubblici del luogo, come in Vietnam, quando prendendo la terza classe del treno, sedili di legno, viaggio notturno di 10 ore, mi sono ritrovata in una carrozza piena zeppa di soldati dell’esercito che presto hanno attaccato bottone e hanno condiviso la loro cena con me! Invece, in un’altra occasione, utilizzando una slow boat per uno spostamento, ho incontrato Mai, insegnante d’inglese thailandese che stava accompagnando in Laos  i suoi studenti, dei monaci buddisti. Da lì è nata un’amicizia che ancora oggi ci lega e durante il mio viaggio più recente in Thailandia, abbiamo trascorso alcuni giorni assieme e mi ha accompagnato nei luoghi più belli e nascosti. Se in quelle occasioni avessi scelto di utilizzare un minivan turistico piuttosto che i mezzi pubblici, non avrei sicuramente fatto delle esperienze simili!

Tornando a noi, in questo post ti spiegherò com’è possibile viaggiare in India con un budget di 15 euro al giorno. Ti basterà seguire questi 6 semplici consigli.

1. La scelta dell’alloggio

In India puoi trovare facilmente una camera discreta ad una cifra molto bassa. Solitamente ho pernottato in piccoli hotel o guesthouse pagando per una camera doppia con bagno privato dai 5 agli 8 euro a notte a persona. Ovviamente in ostello è possibile spendere ancora meno. Certo, a volte, ho dovuto chiudere un occhio riguardo alla pulizia ma per una cifra del genere, cosa si può pretendere? Inoltre, ti consiglio di scegliere accuratamente la zona, prediligi posizioni strategiche come il centro città, alloggi vicino alle stazioni dei treni/autobus oppure facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici. In questo modo eviterai di spendere inutilmente soldi per gli spostamenti più brevi. Ti ricordo, infatti, quanto siano difficili e stressanti i lunghi spostamenti a piedi in alcune città indiane a causa del traffico e della sporcizia (come racconto in “India, parto o non parto?”).

2. Mangia come i locali!

Prediligi le bancarelle street food e, per scegliere le migliori, individua quelle più affollate: significa che si mangia bene. Ad ogni modo, in India, non spendi molto per mangiare in piccoli ristorantini. Ecco qualche esempio di prezzo: pancake 60-80 rupie (0,80 – 1,00 euro), una bottiglia d’acqua 20 rupie (0,25 euro), vegetable biryani 90 rupie (1,20 euro), vegetable naan 45 rupie (0,60 euro).

india zaino in spalla
3. Utilizza i mezzi pubblici per gli spostamenti!

E’ vero. Quando sei turista cercano sempre di fregarti… Anche se in India, le fregature, convertite in euro, consistono in qualche spicciolo. Per evitare che questo accada informati chiedendo ai locali quanto costa normalmente una tratta, scrivi sempre il prezzo contrattato su un foglietto e fallo controllare al tuo interlocutore prima di salire a bordo. Prediligi i mezzi pubblici dove sarà più facile trovare un tariffario. In India, per esempio, esistono i taxi governativi pre-pagati.

Se decidi di utilizzare il treno, quando fai i tratti più brevi prendi la Sleeper Class; è vero che non c’è l’aria condizionata ma è comoda comunque. Per i tratti più lunghi invece usa la AC3 Tier (consiglio di prenotare il posto “Side lower o Side Upper”); in questo caso c’è l’aria condizionata (anche troppa) e avrai a tua disposizione una cuccetta in cui coricarti. Con qualche euro in più te la caverai. Ti ricordo che in India è necessario prenotare il treno con largo anticipo (anche un mese e mezzo prima) e puoi farlo su Cleartrip.com dopo esserti registrato.
Anche se c’è molto traffico, caos e sporcizia cerca di spostarti autonomamente per i tratti più brevi, ad esempio a piedi utilizzando app offline con gps tipo Maps Me e chiedendo indicazioni ai locali. Quando prendi un tuk tuk o un taxi, controlla che stiano facendo la strada più breve consultando l’app con gps.

Esempi di prezzi: pass di tre giorni per la metro di New Delhi 300 rupie (€ 4,00), bus 80 rupie (€ 1,00 per tre ore), taxi per spostamenti urbani tra le 150 – 180 rupie (€ 2,00 – € 2,45), tuk tuk per spostamenti urbani 30 rupie (€ 0,40), taxi/tour con autista da circa 150 a 490 rupie (€ 2,00 – € 6,70) per tour di mezza o un’intera giornata, treno 150 rupie (€ 2,00) per cinque ore di viaggio, 870 rupie (€ 11,80) per 17 ore e mezza di viaggio.

viaggiare in India
4. Fai acquisti nei mercati locali e… contratta!

Essendo stato il mio primo viaggio zaino in spalla ed essendo l’India un paese molto particolare, inizialmente mi trovai spaesata: non riuscivo a scorgere centri commerciali o qualcosa che vagamente assomigliasse ai nostri negozi e mi chiedevo dove la gente si procurasse cibo, vestiario etc… Finché arrivò il momento di sciogliere ogni dubbio: mi servivano fazzoletti, bagnoschiuma e indovina indovina…Carta igienica (che sapessero cosa fosse?) e non avevo la più pallida idea di dove andare a recuperare queste cose. Chiedo informazioni al receptionist della guesthouse e mi dice di uscire, girare a sinistra e proseguire per 100 metri… Sulla destra avrei trovato il supermarket… Seguo le indicazioni e cosa mi ritrovo davanti? Una specie di garage con una saracinesca e un enorme bancone di vetro contenente una miriade di prodotti che sbarra l’ingresso… Quello era il supermarket:) Come funziona? Spieghi al “commesso” cosa ti serve e lui recupera i prodotti. I prezzi? A volte scritti sulla confezione a volte no. Ecco, in India il prezzo varia in base a quanto sei bravo a contrattare. Gli indiani sono degli abili venditori e spesso quadruplicano l’importo! Cerca di partire offrendo meno della metà del prezzo da loro richiesto, vedi come reagiscono e soprattutto non mostrarti troppo interessato.

mercato india

5. Tieni traccia dei soldi che spendi

Compra un block notes in cui riportare tutte le voci di spesa del giorno. Questo servirà a tenere traccia delle diverse spese per confrontare il prezzo per lo stesso servizio/prodotto in altre città, a calcolare l’importo giornaliero speso e a verificare se rientra nel budget previsto.

6. Utilizza servizi come Couchsurfing, Workaway, Woof & Co.
Ti ricordo che se vuoi viaggiare con pochi soldi puoi avvalerti di servizi come Couchsurfing, Workaway, Woof etc. Grazie a questi siti è possibile alloggiare gratuitamente o in cambio di volontariato. Inoltre, utilizzare questi servizi, è un ottimo modo per entrare in contatto con le persone del posto e sperimentare la quotidianità e la realtà locale.

Ecco un esempio di spese per una giornata tipo durante un viaggio zaino in spalla in India:

Colazione: Pancake + Succo di frutta + Bottiglia d’acqua: 60+60+20= 140 rupie
Spostamento in treno “Sleeper Class” di 5 ore: 150 rupie
Spostamento con tuk tuk da stazione ferroviaria alla guesthouse: 80 rupie
Pranzo: Vegetable Biryani + Naan + Bottiglia d’acqua 90+45+20= 155 rupie
Cena: Paratha Cheese Curry + Naan + Bottiglia d’acqua 100+45+20= 165 rupie
Camera doppia con bagno privato in una guesthouse: 312 rupie
TOTALE: 1002 rupie (€ 13,60)

Allora.. Visto che è possibile viaggiare spendendo pochi euro al giorno?

Se ti è venuta voglia di partire per l’India e hai bisogno di suggerimenti e idee riguardo all’itinerario e alle cose da vedere prendi spunto dal post “Voglia di India? Viaggio fai da te”.

 

Un piccolo favore.

Questo blog è nato con l’intento di diffondere la cultura del viaggio “zaino in spalla”.
Se l’hai trovato utile ed interessante potresti mettere “Mi Piace” su Facebook e condividere l’articolo?
In questo modo allargherai la sua utilità ad altri e contribuirai a sostenere questo blog.
Grazie di cuore.

Reply